venerdì 21 agosto 2015

Se non ti lecchi le dita...

croccanti, deliziose, semplici e buone.

 Giuste da sgranocchiare come aperitivo, mai banali in una cena o un pranzetto sfizioso. Puoi mangiarle con le mani, intingerle nelle salse più diverse, poi leccarti le dita per gustare quell'ultimo saporino che ti rimane e prepararti ad afferrarne un'altra. a volte puoi trovarle al ristorante servite in un cartoccio, aromatizzate in mille modi differenti. Uno chef di grande fama e anche abbastanza bello ha messo la sua faccia con una di loro servita come se fosse una tartelletta rivisitata in versione gourmand. conviene comprarle già impacchettate ma... la versione casalinga risulta a dir poco sensazionale.

volete provare?....

ecco che le chips croccanti di patate sono servite.


tagliate le patate con una mandolina per averle tutte della stessa dimensione, si può fare questa operazione anche a mano, ma occorre tagliare le patate in modo molto sottile. Si possono mantenere le patate con la buccia, ma per far questo è importante lavarle accuratamente con il bicarbonato e acqua. a questo punto mettete a bagno in acqua per almeno un'ora le patate già affettate. Ho visto diverse ricette online e molti lasciano a mollo per anche due ore..io in mezz'ora ho ottenuto un risultato fantastico. passato il tempo asciugate per bene, potete aiutarvi con una centrifuga, l'importante è che le patate rimangano asciuttissime. friggete in olio profondoe condite alla fine come più vi piace (sale, paprika etc...).

o t t i m e....



buon appetito,
alla prossima, Vale

 

mercoledì 8 luglio 2015

Studiare al suono di banana pan - cake!


Un albume d'uovo avanzato, pressione sotto zero e caldo afoso che ti avvolge come se stessi in un boiler. Non ti salva niente: il condizionatore, il ghiaccio, la doccia fredda. In fondo l'estate è così: tutto in stand - by per due mesi, compreso il cervello che rallenta quando non deve e non riesce a sostenere i ritmi di studio elevati. E quindi? arrendersi e soccombere al solleone o accettare la sfida di studiare mano nella mano con un ventilatore? la scelta è caduta sulla sfida, ma con l'aiuto di un surplus di energia dato da pan cake a base di banana, che portatrice sana di triptofano,
giova ai neuroni e al buon umore. Per la ricetta non occorrono che pochi minuti, pronti? via!

un albume d'uovo
una banana
un pizzico di sale
un cucchiaio di maizena
cannella
mandorle
miele

In un piccolo mixer frullare mezza banana, un albume d'uovo, un pizzico di sale un po' di cannella e la maizena. In una padella calda versare a cucchiaiate il composto (ne vengono circa 4). quando si formano le bollicine, girare i pan cake e terminare la cottura. Servire caldi con il resto della banana a guarnire e cannella, miele e mandorle tritate. uno sprint di salute!

alla prossima, Vale

venerdì 3 luglio 2015

DETOX al sapor di pesche e ciliegie



Chi vive più o meno regolarmente la rete, non può non accorgersi di quanto il regime HEALTHY si sia impossessato dell'intera umanità. Sempre più frequenti sono pagine facebook o ancora siti, canali youtube, profili instagram che trattano di questo sconfinato argomento che sta a cuore - a quanto pare-  a tutta l'umanità. Sulla rete puoi trovare workout casalinghi, schede di allenamento, ma anche ricette sane, consigli di alimentazione da seguire con dovizia di particolari, siti di confronto con altri utenti che come te vagano in cerca di una (virtual)spalla su cui poggiarsi nei momenti di sconforto da dieta. Un eldorado dunque, che però bisogna tastare non con poca leggerezza dal momento che spesso si possono confondere consigli utili con altri totalmente sbullonati per così dire.
Ad esempio non bisogna assolutamente confondere una dieta detox, con una dieta dimagrante. Rimarrà sempre giusto affidarsi a un medico per togliere i kili di troppo e pensare che detossinarsi può far bene dopo bagordi esagerati o quando lo smog ci è arrivato fin sopra ai neuroni.Perciò larga via alla disintossicazione, ma solo quando si tratta di fare un pieno di verdura e frutta da aggiungere alla nostra dieta che non deve rimanere priva dei macro nutrienti.
A questo proposito sono molto utili le detox water, acque aromatizzate, che vanno preparate unendo semplicemente frutta e verdura ad acqua fredda (anche ghiacciata) che verrà poi lasciata in infusione per diverse ore (oppure tutta la notte) e gustata durante il giorno anche dopo essere stata filtrata. L'infusione a freddo manterrà intatti i nutrienti della frutta e così bere acqua non rimarrà poi una grande e insormontabile difficoltà.

Detox  water# one slice of Lemon, one big peach, water what else? Maisonjar!

 ho aggiunto una pesca e una fetta di limone all'acqua e ho lasciato in infusione.  Le pesche hanno molte proprietà, sono infatti depurative digestive, utili per la circolazione e per il mal di testa. Sono ricche di acqua fibre e prive di grassi, per questo molto adatte ai regimi ipocalorici. Unica pecca: il nocciolo. E' tossico.

l'altra ricetta prevede l'uso di una manciata di ciliegie denocciolate, pesca gialla e saturnina e limone. Sapevate che mangiare 25 ciliegie al giorno aiuta a disintossicare l'organismo? e che il succo di ciliegia fosse un vero toccasana per chi fa sport?e che contenesse melatonina, utile a favorire un ottimo riposo?
una ciliegia tira l'altra  dunque e potremmo anche non sentirci in colpa.

e voi? che acque detox proponete?

alla prossima, Vale